martedì 20 marzo 2018

La Passione a Ostuni è un’Opera Paese firmata da Buttafuoco

La Passione a Ostuni è un’Opera Paese firmata da Buttafuoco - Lo scrittore è stato chiamato dall’associazione Terra a riscrivere gli ultimi momenti della vita di Cristo coadiuvato dal cantastorie Mario Incudine. Insieme, hanno coinvolto l’intera città bianca. Domenica e lunedì alle 20 da piazza della Libertà alla cinta muraria con cori, gruppi folk, banda e confraternite


La Passione di Cristo rivive a Ostuni la Domenica delle Palme e il lunedì santo coinvolgendo l’intera città bianca, sotto la direzione di Pietrangelo Buttafuoco e la partecipazione di Mario Incudine, cantastorie e maestro concertatore. È un’Opera Paese quella riscritta dallo scrittore, che il 25 e il 26 marzo, dalle 20 in poi, coinvolgerà non solo 300 persone tra figuranti e musicisti per raccontare il sacrificio di Cristo, ma anche le strade, le piazze, i balconi delle case nel percorso di 500 metri che si snoderà da piazza della Libertà alla cinta muraria, trasformata nel “Monte del Cranio”, palcoscenico di un’inedita Via Crucis.

La sfida dell’associazione culturale Terra, formata da un intraprendente gruppo di giovani di Ostuni  capitanati da Beppe Moro, era quella di dare una nuova prospettiva alla tradizionale Passione, la rappresentazione vivente della crocifissione morte di Cristo, che vanta una lunga storia in città. L’opera di Buttafuoco è pensata come una voce unica tessuta da una coralità fatta di silenzi, fiati, sospiri, troccole, pelli di tamburo, quello che Incudine definisce “il suono di Ostuni” e che inevitabilmente attinge al dialetto pugliese e richiama quello siciliano.

Oltre alla task force dei 40 tecnici fra sarti, falegnami, costumisti, questa Passione regge sulla braccia robuste dei musicisti della banda di Ceglie Messapica, i cantori del CorOstuni, il coro del bambini Passione junior, i gruppi folk Città di Ostuni e La Stella, le confraternite del Carmine, del Purgatorio, della Madonna dei Fiori, dello Spirito Santo, dell’Immacolata di Santa Maria della Stella.

I tre protagonisti (Felice Prudentino in Gesù, Marina Buongiorno nel ruolo di Maria Addolorata e Matteo Pacifico in Pilato) dialogheranno con tutti gli altri interpreti della Passione (Carmelo Greco è Caifa, Antonio D’Ippolito è il soldato romano Ammazzatopi, Giuseppe Francioso è il suonatore di tromba Chiancanedda, Nicoletta Narracci è Maria Maddalena, Francesca Galizia è la Veronica, Angelo Barnaba è Pietro, Salvatore Tanzarella è Barabba, Oronzo Morelli è il buon ladrone, Adriano Bagnulo è il ladrone cattivo, Mimmo Valente è Barbaro Biondo, Giuseppe Convertini è Lamia e Antony Sathees Viji è Simone di Cirene) attraverso la mimica propria dei pupi siciliani, prendendo voce e canto dal puparo-cantastorie Incudine.

Richiamato dalla banda musicale di Ceglie Messapica e invocando insistentemente “Misericordia”, il popolo si radunerà nella piazza per assistere all’interrogatorio di Pilato a Gesù, che attinge da Il Maestro e Margherita di Michail Bulgakov e prende vita grazie all’accorato cunto di Incudine. Si procede al suono di tamburi e troccole in processione verso il luogo della crocifissione, tra atmosfere mistiche e sognanti, scandendo le stazioni della Via Crucis con canti e racconti e preparandosi a intonare un Gloria corale, cantato anche dai bambini, che anticipa la radiosa domenica di resurrezione. 

Nel finale, Buttafuoco attinge ad Anatole France e propone un Pilato che afferma di non ricordare Gesù Cristo (“una provocazione – spiega lo scrittore – contro la perdita del senso del sacro che ci circonda”) e restituisce quell’intimità invocata alla morte del figlio di Maria sulla croce velando l’altura del Golgota con un drappo nero di 300 metri quadrati che, come sottolinea lo stesso autore, “tutto ricopre, nasconde, rinchiude”.

SCHEDA PASSIONE
Testo, ideazione e regia di Pietrangelo Buttafuoco
Una produzione dell’associazione culturale Terra
Mario Incudine: maestro concertatore e cuntista
Antonio Vasta: fisarmonica e coordinamento musicale
Giorgio Rizzo: percussioni e coordinamento gruppo percussioni
Giuseppe Spicuglia: aiuto regia e direzione di scena
Sandro Rizzo: responsabile tecnico
Banda Associazione Antonietta Amico di Ceglie Messapica
CorOstuni
Coro Passione junior
Gruppo folk “La Stella”
Gruppo folk “Città di Ostuni”
Confraternita Maria Santissima del Carmine
Confraternita Madonna dei Fiori
Confraternita Madonna della Stella
Confraternita del Purgatorio
Confraternita dello Spirito Santo
Confraternita dell’Immacolata

Il brano “Gloria” è di Mario Saroglia. L’arrangiamento per banda del brano “Malarazza” è di Antonio Putzu

PERSONAGGI:
Felice Prudentino: Gesù
Marina Buongiorno: Maria Addolorata
Matteo Pacifico: Pilato
Carmelo Greco: Caifa
Antonio D’Ippolito: Ammazzatopi
Giuseppe Francioso: Chiancanedda
Nicoletta Narracci: Maria Maddalena
Francesca Galizia: Veronica
Angelo Barnaba: Pietro
Salvatore Tanzarella: Barabba
Oronzo Morelli: ladrone buono, Dìsma
Adriano Bagnulo: ladrone cattivo, Gèsta
Mimmo Valente: Barbaro Biondo
Giuseppe Convertini: Lamia
Antony Sathees Viji: Simone di Cirene
 
 
Il Convegno di cultura Maria Cristina di Savoia di Brindisi conclude l'anno sociale con la presentazione del libro ...
informazioni utili

Pubblicità Elettorale

___________________ concessionaria degli spazi pubblicitari di brindisisera.it, dichiara di aver depositato presso la propria sede in Via _________________ il listino analitico degli spazi e dei servizi pubblicitari on line che intende mettere a disposizione di chiunque abbia interesse a diffondere messaggi a contenuto politico – elettorale a condizione di parità commerciale tra loro. Per prenderne visione, o acquisire informazioni scrivere a: info@brindisisera.it
BRINDISISERA.IT è un quotidiano telematico edito da Sevent SRL, sede in Corso Umberto I, Brindisi - P.IVA 01929320743 - Reg. Trib. Brindisi N° 12/04 del Reg. Stampa il 18/10/2004