mercoledì 26 luglio 2017

Nuovo Teatro Verdi. Presentata la stagione 2017-2018

La Fondazione Nuovo Teatro Verdi ha presentato questa mattina la stagione 2017-18. All’incontro, che si è svolto nella sala Giunta di Palazzo di Città, hanno preso parte il commissario straordinario del Comune di Brindisi e presidente della Fondazione, Santi Giuffrè, il dirigente alla Cultura, Nicola Zizzi, e il direttore artistico del Teatro Verdi, Carmelo Grassi.

Il parterre di interpreti e registi coinvolti si conferma anche quest’anno di grande spessore: i nomi del migliore cinema italiano fanno il paio con i grandi artisti dello spettacolo dal vivo per spaziare dal teatro classico fino alle scritture contemporanee. «Confermiamo l’investimento nel teatro - ha detto il presidente Santi Giuffrè - perché la stagione garantisce una proposta culturale di qualità. Il teatro deve essere sempre più un’esperienza collettiva, un’occasione di inclusione, un viaggio nella visione e nell’immaginario. Per questo, in tempo di tagli, abbiamo guardato con priorità al teatro nella convinzione che la comunità saprà viverlo in tutte le sue forme e le sue sfaccettature».

«Il Teatro Verdi - ha aggiunto Nicola Zizzi  - conferma il suo essere teatro per la città, con la quale ha stretto da tempo un rapporto speciale: il modello è quello di incontrare i diversi gusti portando a Brindisi la grande cultura teatrale. È la sfida che quest’anno riparte e che oltre a essere un’occasione per la città deve rendere il teatro uno spazio di accoglienza per la crescita delle nuove generazioni».

«La stagione è pensata per un pubblico trasversale - ha concluso Carmelo Grassi - al quale affidiamo un’ampia scelta tra generi diversi: prosa, musica, musical, teatro contemporaneo, comico d’autore. Al centro della proposta ci sono il cinema e la figura femminile nella sua essenza e unicità. Quest’anno proviamo a esplorare il terreno della produzione e per questo abbiamo candidato alla Regione un progetto complesso che prevede un programma di laboratori diretto da Michele Placido. Ora la parola passa agli spettatori, nell’auspicio che il teatro diventi sempre più un bene da proteggere insieme. Lunedì 28 agosto apriremo la campagna abbonamenti con le tradizionali prelazioni per i vecchi abbonati. I prezzi dei biglietti resteranno invariati così come la quota parte dei singoli abbonamenti».  

«Il Teatro per la Città», con questo claim si accendono i riflettori sulla stagione 2017-18 del Nuovo Teatro Verdi, edizione numero undici del politeama brindisino targata Fondazione. Un viaggio nella scena che si apre alla città con un linguaggio comune, accessibile a tutti, ed esprime unità nella varietà delle tante proposte che si alterneranno sul palcoscenico. Non solo, dunque, il teatro della città, ma un teatro per la città, pensato per incuriosire e accendere emozioni, disegnato in orizzontale tra generi di spettacolo e generazioni di pubblico.

La stagione del Verdi spalanca il sipario su quella “realtà” discontinua che il pubblico vive ogni giorno, per raccontarla attraverso il teatro e renderla occasione di convivenza e condivisione. Teatro e vita messi l’uno di fronte all’altra per affermare che il mondo è una grande scena che sa farsi spazio di incontro nella vita di una comunità. Il claim della nuova stagione sottolinea l’idea di una programmazione in cui ognuno possa sentirsi parte di un “luogo” aperto a tutti: una comunità di artisti e pubblico partecipe e curiosa. 

Quattordici titoli da sfogliare per un cartellone lungo sei mesi, cucito su interessi e sensibilità, che rinnova attenzione alla drammaturgia del presente spaziando tra il meglio della classicità e le novità contemporanee.    

Si comincia il 24 novembre con «Come stelle nel buio», black comedy che racconta la storia di due sorelle che convivono da anni in una villa immersa nel verde della collina di Posillipo. A interpretare le protagoniste due straordinarie attrici italiane, Isabella Ferrari e Iaia Forte.

Musica e parola, insieme alla danza, saranno protagoniste con Lina Sastri e il suo «Appunti di viaggio. Biografia in musica», in scena il 13 dicembre. La “signora” del teatro napoletano porta sul palcoscenico brindisino un racconto pieno e libero della sua esperienza artistica, in un dialogo sincero con il pubblico che riserverà piccole sorprese. Sulla scena nuda dominata dalla scultura di Pulcinella, proiezioni e immagini della carriera dell’artista si alterneranno a brani musicali e teatrali eseguiti dal vivo.

Appuntamento brioso l’11 gennaio con «Piccoli crimini coniugali» di Éric-Emmanuel Schmitt, che vedrà protagonisti Anna Bonaiuto e Michele Placido. Lui, scrittore di gialli. Lei, moglie fedele, molto innamorata e timorosa di perdere il marito. Un incidente domestico, nel quale lui perde la memoria, diventa la causa scatenante di un sottile gioco al massacro.

È già tempo di musical il 18 gennaio con «La febbre del sabato sera», il kolossal teatrale che porta in scena una delle pellicole più celebri e importanti della storia del cinema. Uno spettacolare juke box musical in cui rivivono i successi disco in voga negli anni Settanta. Un omaggio alla disco music e al glam dominante dell’epoca. 

Il 26 gennaio arriva «Mariti e mogli», ovvero l’amore a tempo di jazz. Monica Guerritore mette in scena la scoppiettante commedia di Woody Allen sul gioco delle passioni e le complicate alchimie del matrimonio tra ricordi e rimpianti. Sotto i riflettori, insieme all’attrice romana, l’eclettica Francesca Reggiani e un affiatato cast.

Il 5 febbraio la stupefacente arte di Michelangelo Buonarroti si farà palpabile alle molteplicità sensoriali, attraversate dal racconto del prof. Vittorio Sgarbi. Protagonista l’ambizione di scoprire un Michelangelo inedito: non resterà dunque che farci sorprendere.

Saranno Angela Finocchiaro e Laura Curino, insieme a uno straordinario cast, a dare vita il 14 febbraio alle splendide «Calendar girls», un gruppo di donne fra i 50 e i 60 anni che, stanche di fallimentari iniziative di beneficenza, decide di realizzare un calendario senza veli. 

«Una storia indispensabile, tanto è bella e tanto regala piacere». È quella che ci racconterà il 20 febbraio Daniel Pennac, per lui un ritorno nella sala brindisina. «Un amore esemplare», questo il titolo della pièce tratta dall’omonimo fumetto dell’autore francese e disegnato da Florence Cestac, racconta una storia d’amore, così vera da sembrare inventata, e le avventure del piccolo Daniel Pennac durante le sue vacanze sulla Costa Azzurra. 
Spettacolo fuori abbonamento.

Grandi autori sì, ma anche storie che parlano dell’oggi: il rapporto padre/figlio e la difficoltà del confronto tra generazioni è il tema che Claudio Bisio ha scelto per il suo ritorno in teatro. «Father and son», in programma il 22 febbraio, riflette sul nostro tempo rivelando in filigrana una società spaesata. Scritto da Michele Serra e ispirato ai suoi libri «Gli sdraiati» e «Breviario comico».

Il 2 marzo in scena «Don Chisciotte» nell’adattamento di Maurizio De Giovanni: nei panni dell’hidalgo il bravissimo Nando Paone, mentre sarà Peppe Barra a interpretare il ruolo dello scudiero Sancho.

Straordinario il musical «Dirty dancing il musical - The classic story on stage», in stagione al Verdi l’8 marzo. Il teatro farà da cornice a un vero concentrato di romanticismo, sensualità e musiche travolgenti. Il titolo dei record celebra i primi trenta anni di un film divenuto cult fin dalla sua prima uscita, datata 21 agosto 1987. Si racconta il magico e movimentato incontro tra la giovane Baby Houseman e il fascinoso maestro di ballo Johnny Castle.

Biagio Izzo arriva a Brindisi il 14 marzo con «Di’ che ti manda Picone», nel quale interpreta il figlio di Pasquale Picone del celebre film di Nanni Loy del 1983. 

Sergio Rubini torna al Verdi il 20 aprile con il suo ultimo lavoro, in cui, insieme a Luigi Lo Cascio, un rumorista e una cantante, ci condurrà tra i capitoli di «Delitto/Castigo», l’opera più letta di Fëdor Dostoevskij che racconta il tormento di Rodion Romanovi? Raskol’nikov, un giovane poverissimo e strozzato dai debiti che uccide una vecchia e meschina usuraia.

L’ultimo sipario arriva il 27 aprile con «Non mi hai più detto… ti amo!», commedia ironica e intelligente con Lorella Cuccarini e Giampiero Ingrassia che riflette sul tema della famiglia alla luce delle sue trasformazioni sociali. Lo spettacolo, diretto da Gabriele Pignotta, anche autore del testo, saprà regalare momenti di assoluto divertimento e grandissima emozione.

Brindisi, mercoledì 26 luglio 2017
 
 
 
 
 
 
Altri articoli di "Teatro"
Giovedì 10 agosto alle ore 19.00 avrà luogo l’inaugurazione del Museo Diocesano di Ostuni, situato ...

Pubblicità Elettorale

___________________ concessionaria degli spazi pubblicitari di brindisisera.it, dichiara di aver depositato presso la propria sede in Via _________________ il listino analitico degli spazi e dei servizi pubblicitari on line che intende mettere a disposizione di chiunque abbia interesse a diffondere messaggi a contenuto politico – elettorale a condizione di parità commerciale tra loro. Per prenderne visione, o acquisire informazioni scrivere a: info@brindisisera.it
BRINDISISERA.IT è un quotidiano telematico edito da Sevent SRL, sede in Corso Umberto I, Brindisi - P.IVA 01929320743 - Reg. Trib. Brindisi N° 12/04 del Reg. Stampa il 18/10/2004