mercoledì 19 luglio 2017

Torre Canne e Cisternino festeggiano il "pomo d'amore" - Il pomodoro Regina è il protagonista della terza edizione della Notte Verde

 
 
 
Il pomodoro Regina è il protagonista della terza edizione della Notte Verde - Sabato 22 luglio presentazione ufficiale del cartellone completo degli eventi 

La terza edizione della Notte Verde celebra il "pomo d'amore". L'evento pugliese, che da tre anni sceglie un prodotto protagonista della dieta mediterranea, nel 2017 si concentra sull'epopea del pomo d'oro, il condimento simbolo della cucina italiana, e festeggia la varietà Regina. Si parte dai luoghi in cui viene coltivata, nell’alto Salento tra Fasano e Ostuni, nei terreni salmastri litoranei del Parco delle Dune Costiere, lungo l'antica via Traiana: dopo la presentazione in programma il 22 luglio, Torre Canne, frazione termale e balneare di Fasano (BR), Bandiera Blu, ospiterà la Notte Verde il 28 e 29 luglio. Il 18 e 19 agosto si sposterà a Cisternino (BR), uno dei Borghi più belli d'Italia, Bandiera Verde e Città Slow. 

Nel comitato organizzatore, quest'anno, oltre all'Associazione Culturale Urbieterre che l'ha ideata, ci sono l'Associazione Produttori Pomodoro Regina di Torre Canne, CIA-Agricoltori Italiani Puglia, il Centro di Ricerca Sperimentazione e Formazione in Agricoltura "Basile Caramia", la Fondazione ITS Agroalimentare Puglia e il Parco Naturale Regionale delle Dune Costiere. La Notte Verde 2017 è patrocinata dal Comune di Cisternino e dal Comune di Fasano.
 
IL RITORNO ALLE ORIGINI L'evento si ripropone di tutelare e valorizzare la storia e le tradizioni, recuperando le vocazioni perdute, e di raccontare il territorio attraverso il lavoro e i prodotti della terra, ripercorrendo a ritroso il viaggio del cibo. Sono previsti eventi culturali, spettacoli di musica dal vivo, degustazioni, mostre, dibattiti e reading letterari. I visitatori potranno scoprire il rito della salsa e l'intreccio dei pomodori. 

IL POMODORO REGINA Il sapore di questo pomodoro è legato al mare e il nome si ispira alle caratteristiche del calice che, crescendo, assume la forma di una coroncina. Questa varietà riesce a mantenere costanti le sue peculiari caratteristiche organolettiche per 9-10 mesi senza alcuno spreco energetico. La conservazione avviene da sempre in ambienti freschi e ben aerati con alte volte in tufo, a botte oppure a stella, ambienti tipici delle masserie presenti su tutto il territorio di Fasano e di Ostuni. Per conservarli appesi, gli uomini e soprattutto le donne fasanesi, con maestria ed esperienza tramandata di madre in figlia, annodano, quasi magicamente, i singoli calici con un giro rapidissimo di filo di cotone. Ogni bacca è riunita così in catenelle che, con uno spago di canapa, vanno a costituire le ramasole (un grosso grappolo di pomodori).

POMME D'AMOUR Il pomodoro venne importato in Europa nel XVI secolo. Dalla Spagna arrivò ben presto nel Mezzogiorno. Il colore intenso delle bacche di pomodoro, verde, giallo e ‘rosso come il sangue’, favorì la credenza che la pianta avesse poteri afrodisiaci e magici alludendo ai concetti di prosperità e regalità (le prime varietà di pomodori dovevano essere di color giallo oro); per questo, nelle lingue europee il pomodoro assume differenti ma analoghe denominazioni: pomo d’amore e/o pomi d’oro in Italia, pomme d’amour in Francia, love apple per gli inglesi.

LA PRESENTAZIONE Il cartellone degli appuntamenti sarà presentato ufficialmente sabato 22 luglio a Torre Canne di Fasano (BR) in piazza del Faro, a partire dalle 18.30. In quella occasione, saranno resi noti i nomi degli ospiti della Notte Verde 2017. Dopo i saluti dei sindaci di Fasano, Francesco Zaccaria, e di Brindisi, Luca Convertini, interverranno Giuseppe Losavio, Presidente dell'Associazione Culturale Urbieterre; Vito Nicola Savino, Presidente della Fondazione ITS Agroalimentare Puglia; Michele Lisi, Presidente CRSFA “Basile Caramia” di Locorotondo; Francesco Chialà, Presidente dell'Associazione Produttori Pomodoro Regina di Torre Canne; Donato Palasciano, Presidente del Centro Ortofrutticolo Mediterraneo  di Fasano; Giannicola D'Amico, Vice Presidente CIA Puglia; Enzo Lavarra, Presidente del Parco Naturale Regionale delle Dune Costiere da Torre Canne a Torre San Leonardo. Modera Maria Grazia Piepoli, Fondazione ITS Agroalimentare Puglia. 

A seguire, alle 20, sarà inaugurata la mostra “Dalla Pezza della ‘bambace’ al filet e al Pomodoro Regina", a cura del Museo Laboratorio di Arte Contadina di Pezze di Greco. Dopo il saluto di Annarita Angelini, Assessore alla Cultura Comune di Fasano, interverranno la storica dell'arte Maria De Mola e Ilaria Pecoraro dell'Università degli Studi di Roma ‘La Sapienza’. 
La mostra sarà visitabile fino al 19 agosto dalle 20 alle 23. 
 
 
 
Giovedì 10 agosto alle ore 19.00 avrà luogo l’inaugurazione del Museo Diocesano di Ostuni, situato ...

Pubblicità Elettorale

___________________ concessionaria degli spazi pubblicitari di brindisisera.it, dichiara di aver depositato presso la propria sede in Via _________________ il listino analitico degli spazi e dei servizi pubblicitari on line che intende mettere a disposizione di chiunque abbia interesse a diffondere messaggi a contenuto politico – elettorale a condizione di parità commerciale tra loro. Per prenderne visione, o acquisire informazioni scrivere a: info@brindisisera.it
BRINDISISERA.IT è un quotidiano telematico edito da Sevent SRL, sede in Corso Umberto I, Brindisi - P.IVA 01929320743 - Reg. Trib. Brindisi N° 12/04 del Reg. Stampa il 18/10/2004