venerdì 9 giugno 2017

Richieste Noi con Salvini Brindisi per il quartiere MONTENEGRO consegnate al Commissario Prefettizio Sante Giuffrè.

Paolo Taurino Coordinatore Provinciale e Lorella Fella  Responsabile quartiere Montenegro Noi con Salvini Brindisi scrivono: 

Notiamo con molto rammarico che a qualcuno piace appropiarsi, ricevere visibilità e medaglie sul lavoro svolto da terzi. A tutela del lungo, del costante e dell'ottimo lavoro svolto dalla  responsabile di Noi con Salvini  per il quartiere Montenegro Lorella Fella si allegano le richieste concordate con i cittadini e consegnate al Commissario Prefettizio  Sante Giuffrè. in data 8 giugno 2017

Oggetto:   Richieste di messa in sicurezza Quartiere Montenegro  riguardo URBANISTICA  e
                 SPAZZATURA.-
 
Facciamo presente che in C.da Montenegro ci sono 416 abitanti in 151 famiglie..anche se in effetti siamo molti di più....queste persone sono sequestrate in casa per vari motivi:
 
· Mancanza CARTELLI STRADALI che indicano l'uscita per Montenegro;
· Mancanza URGENTE di almeno 1 ROTATORIA sulla Strada Pro.le S.Vito dei N.nni nei pressi di C.da Montenegro in quanto gli automobilisti arrivano ad una certa velocità e l'ingresso di Montenegro si trova in curva (vari incidenti e alcuni morti)..ma non solo, senza la costruzione della ROTATORIA che ci metterebbe finalmente in sicurezza.. tutti gli abitanti del Quartiere Montenegro non possono andare in città con il motorino, in quanto per arrivare nel nostro quartiere, dobbiamo tornare indietro sulla Superstrada per poi risalire (e li ai motorini non è consentito il transito). Questo vuol dire che noi genitori dobbiamo fare svariate volte al giorno quel percorso impossibile e pericoloso per accompagnare ovunque i nostri familiari. Ovviamente ci sono poche corse dei mezzi pubblici e non ci si può salire in quanto pieni di profughi che molestano e creano una pericolosa confusione...i nostri figli non prendono più l'autobus. Rimane comunque sempre la pericolosità di ingresso sia in uscita che in entrata nel Quartiere.  La  ROTATORIA  risolverebbe più di qualche problema e ci metterebbe in sicurezza;

· Sempre per questione di sicurezza   C H I E D I A M O   di dare il nome alle strade in quanto, se abbiamo bisogno di essere aiutati dalle FORZE DELL'ORDINE (specialmente in questo periodo in cui la notte i profughi stanno scavalcando i muri per occupare le abitazioni), AMBULANZA,  POMPIERI ecc. non arriveranno mai. Faccio presente che è morto 1 ragazzo perchè l'ambulanza non riusciva a trovare l'abitazione (si era tagliato..si poteva salvare). Vi faremo avere il prospetto con il nome delle vie che rispecchiano la flora e la fauna protetta in cui ci troviamo..se per voi non è possibile aiutarci vedremo di mettere dei cartoni con su il nome delle strade;

· Non abbiamo nemmeno 1 FONTANA di ACQUA POTABILE (non abbiamo ne acqua, ne fogna, ne gas)..per poter cucinare dobbiamo percorrere 5/6 km per arrivare nel vicino Quartiere urbanizzato PARADISO;

· Abbiamo una sola strada urbanizzata (quella principale) che si sta sfaldando ad ogni pioggia e ci sta creando non pochi problemi meccanici con le nostre auto. Strada ai bordi dei quali sta crescendo l'erba altissima che ci limita la visuale.. l'erba non viene mai tagliata ne la strada viene pulita e disinfettata;
·Sarebbe ora di URBANIZZARE il Quartiere MONTENEGRO per dare dignità ai suoi abitanti che pagano le tasse per tutti (forse è ancora l'unico quartiere non ancora urbanizzato);

· Il nostro quartiere dal Comune è stato dichiarato SERVITO ma da chi? Per questo noi paghiamo la RACCOLTA DIFFERENZIATA DEI RIFIUTI e TASSE varie al 100%....non abbiamo  acqua, fogna, gas, luci stradali, la posta la consegnano con bollette scadute ogni 2 mesi..non c'è nessun ufficio ne postale ne di Vigili Urbani ecc. ne mezzi sufficienti;

· A causa della mancata raccolta rifiuti viviamo tra ratti e serpenti (ci vorrebbe una derattizzazione);
· Noi facciamo la raccolta differenziata, mentre i camion della raccolta mischiano tutto assieme (bisognerebbe che chi deve controllare CONTROLLI);

· per non avere i ratti in casa (almeno nel nostro quartiere che è a rischio), bisogna abolire l'orario di somministrazione dei rifiuti;

· I CASSONETTI sono INSUFFICIENTI... 4 su 5 km di strada, per una popolazione di circa 500 unità posti all'ingresso di Montenegro (faccio presente che abbiamo molti anziani che non guidano e, per loro è difficile percorrere 5 km per buttare i rifiuti) come per dire: ben venuti a Montenegro e sembra che sul web, circolano delle foto in cui si vede la strada di Montenegro piena di cassonetti. Riguardo tutto ciò che Vi scrivo, faccio presente che ho mandato le mail agli enti preposti e Vi invito a controllare di persona ciò che succede qui da noi;

· Vicino ai cassonetti non è stato posto alcun cartello riguardo gli orari di somministrazione rifiuti, anche se nell' ORDINANZA n. 2 del 30.07.2014 c'è scritto che si sarebbero prodigati (per una questione di decoro) con tutti i mezzi ad  avvisare la popolazione riguardo i suddetti orari, per cui bisognerebbe riorganizzarsi per creare meno disservizio possibile agli abitanti già penalizzati;

· Se chiamiamo per i rifiuti ingombranti, gli stessi vengono ritirati dopo tantissimi giorni;

· In virtù di tutto ciò, abbiamo CHIESTO che il PAGAMENTO sia RIDOTTO al 30%;

· CHIEDIAMO inoltre di RIMUOVERE i BIDONI dall'ingresso del Quartiere Montenegro e, disporre almeno 4 ISOLE ECOLOGICHE COMPLETE lungo i 5 km di strada che lo attraversa;

A peggiorare l'igiene ed il decoro ci pensano i profughi che hanno occupato la casa di fronte alla Caserma di  Restinco. Questi signori frugano nei cassonetti buttando in terra l'immondizia, scelgono qualche sacco e se lo portano in questa casa (senza rimettere a posto ciò che hanno buttato in terra alla mercè dei topi). Finita la selezione, buttano l'immondizia alle spalle della casa e le danno fuoco (potete immaginare la tossicità che arriva nelle nostre case). Questi oggetti saranno imballati assieme a chi sa cosa e vengono caricati su un furgone per essere trasportati in Africa per la vendita..il tutto di fronte alla Caserma. Sere fa, abbiamo chiamato le forze dell'ordine ed i pompieri perchè il fuoco era incontrollabile. Faccio presente che, sembra che quella casa sia piena di amianto, quindi da BONIFICARE. Questi soggetti prendono bidoni enormi di acqua dall'interno della caserma di fronte...ognuno di noi si è trovato al momento e, non ci sembra giusto visto che la paghiamo con le nostre tasse. La cosa più INDECOROSA è che, queste persone fanno TUTTI i loro BISOGNI lungo la strada nei pressi di questa abitazione, fregandosene del passaggio di donne e bambini. Le nostre ABITUDINI sono CAMBIATE. Per evitare agressioni anche in pieno giorno, si va in auto con la sicura inserita. NON più PASSEGGIATE in BICI o a PIEDI. La sera ci barrichiamo in casa perchè come suddetto, stanno scavalcando i muri per occupare le case. Dopo varie lamentele in Caserma e varie segnalazioni, sono venuti i Vigili  Urbani a porre i sigilli, ma gli ingressi vanno murati tutti, in quanto i profughi sono di nuovo li dentro e sono una trentina.


 
Giovedì 10 agosto alle ore 19.00 avrà luogo l’inaugurazione del Museo Diocesano di Ostuni, situato ...

Pubblicità Elettorale

___________________ concessionaria degli spazi pubblicitari di brindisisera.it, dichiara di aver depositato presso la propria sede in Via _________________ il listino analitico degli spazi e dei servizi pubblicitari on line che intende mettere a disposizione di chiunque abbia interesse a diffondere messaggi a contenuto politico – elettorale a condizione di parità commerciale tra loro. Per prenderne visione, o acquisire informazioni scrivere a: info@brindisisera.it
BRINDISISERA.IT è un quotidiano telematico edito da Sevent SRL, sede in Corso Umberto I, Brindisi - P.IVA 01929320743 - Reg. Trib. Brindisi N° 12/04 del Reg. Stampa il 18/10/2004