mercoledì 3 maggio 2017

Vandalizzata duna fossile a Torre Guaceto: facciamo quadrato attorno alla Riserva

Nell’ambito dell’attività di monitoraggio dell’area protetta, gli operatori del Consorzio di Gestione della Riserva si sono imbattuti in un spettacolo indegnoQualcuno ha scritto con una bomboletta spray di colore nero sulla duna fossile che, procedendo verso nord, caratterizza l’ultimo tratto della spiaggia di Punta Penna Grossa. Un atto di inciviltà e disprezzo dell’ambiente che questo ente condanna con tutta la sua forza.  Ma la natura sa sempre come liberarsi delle brutture che le vengono imposte dall’uomo ed il normale rimodellamento della duna cancellerà lo scempio. Però quanto accaduto lascia l’amaro in bocca. 

Da sempre il Consorzio di Gestione di Torre Guaceto impiega molte delle proprie energie sul fronte dell’educazione ambientale e della sensibilizzazione in ambito di tematiche ambientali della comunità, andando anche oltre quella locale. 

Attenta è l’attività di controllo dell’area protetta, ma purtroppo non è ancora possibile definire debellati i comportamenti scorretti che gli utenti talvolta assumono in Riserva.  Quest’atto vandalico è l’ultimo in ordine di tempo subito da Torre Guaceto, purtroppo un altro problema che affligge l’area protetta in questo periodo è rappresentato in primis dai centauri che circolano in Riserva alla guida delle loro due ruote. Si tratta soprattutto di moto da cross, e capita troppo spesso di ritrovare le loro tracce sulle spiagge e addirittura sulle dune. 

E’ inutile dire che questo genere di comportamento non solo costituisce reato, ma crea anche un impatto ambientale notevole. Sono inestimabili i danni provocati all'ambiente.  Poi c’è un’altra problematica, ed è quella relativa alla presenza di cani in spiaggia o ancor peggio, nell'area della Riserva a terra (episodi fortunatamente rari). 

Il Consorzio di Gestione di Torre Guaceto non vuole in alcun modo ostracizzare l’amore per il miglior amico dell’uomo, anzi, ha fatto della tutela degli animali una delle proprie principali attività giornaliere, il problema è che ci sono luoghi in cui i cani non dovrebbero andare. Le spiagge dell'AMP sono tra queste. 

La ragione è racchiusa nella presenza del fratino. Questo piccolo uccello nidifica sulla costa da marzo ad agosto, ed i cani, seppure a guinzaglio, potrebbero involontariamente danneggiare le sue uova o addirittura predarlo. Anche la scorsa estate abbiamo dato notizia della presenza di un suo nido proprio sulla spiaggia di Punta Penna Grossa.  Il fratino è un animale a rischio di estinzione. I cani possono giocare in luoghi più consoni rispetto alle spiagge di Torre Guaceto, il fratino non può vivere altrove. 

E’ per questo motivo che il regolamento dell’area protetta fa divieto di introduzione di cani e negli scorsi giorni è stata lanciata una campagna di sensibilizzazione sui social circa i pericoli che corre il fratino ogni qualvolta un utente porta il proprio cane nell’AMP. 
Dobbiamo fare quadrato attorno a Torre Guaceto e proteggere tutti i suoi abitanti, anche i più piccoli. 

“Nel tempo, grazie alla collaborazione con le Autorità – ha dichiarato il presidente del Consorzio, Vincenzo Epifani – siamo riusciti a scongiurare il verificarsi di reati contro l’integrità della Riserva. A seguito dello sfregio della duna, nei prossimi giorni chiederò alla capitaneria di porto di Brindisi di rafforzare l’attività di controllo dell’area protetta”.


CONSORZIO DI GESTIONE DI TORRE GUACETO
 
  Proprio in queste ultime settimane, più donne si sono fatte avanti per accusare l'ormai famigerato ...
informazioni utili

Pubblicità Elettorale

___________________ concessionaria degli spazi pubblicitari di brindisisera.it, dichiara di aver depositato presso la propria sede in Via _________________ il listino analitico degli spazi e dei servizi pubblicitari on line che intende mettere a disposizione di chiunque abbia interesse a diffondere messaggi a contenuto politico – elettorale a condizione di parità commerciale tra loro. Per prenderne visione, o acquisire informazioni scrivere a: info@brindisisera.it
BRINDISISERA.IT è un quotidiano telematico edito da Sevent SRL, sede in Corso Umberto I, Brindisi - P.IVA 01929320743 - Reg. Trib. Brindisi N° 12/04 del Reg. Stampa il 18/10/2004