lunedì 3 aprile 2017

I SIGNORI DEL SI' AL GASDOTTO SI LEGGANO IL CODICE DI DIRITTO AMBIENTALE.

Fino a quando avremo politici che non riescono a capire che il futuro è in un cambio di paradigma ci ritroveremo sempre amministratori che parlano di cambio di approdo. Amministratori che non riescono a capire che la ragione primaria di un No al gasdotto è nella critica e nel rigetto di un vecchio modello industriale che ha totalmente fallito dal punto di vista economico ed occupazionale, un modello basato sui grandi impianti e sulle fonti fossili che ha creato gravi crisi dal punto di vista ambientale e sanitario, l’impoverimento culturale e l’aumento della criminalità.

Se solo il Presidente della Regione Michele Emiliano conoscesse un po’ meglio Brindisi e la sua storia capirebbe come tutto è stato già visto, tutto già successo. La centrale Enel di Brindisi per esempio è un caso emblematico. Una storia che inizia con un Piano Energetico Nazionale (figlio della crisi degli anni ’70) in cui si pensò di puntare sulla “autosufficienza energetica” e quindi la costruzione di grandi centrali. Esattamente quello che sta succedendo oggi con il progetto Tap e che va sotto il nome di “opera di interesse strategico”. 

E’ il modello industriale che va ripensato e non il punto d’approdo!

E si resta basiti anche quando a scrivere tali folli affermazioni sia persino il presidente dei Verdi Angelo Bonelli, secondo il quale non bisogna distruggere una spiaggia in voga ma piuttosto una già compromessa.
Ma davvero questo è il vostro modello di sviluppo? E’ questo il futuro che avete in mente? 

Caro Presidente, cari signori del Sì al gasdotto, essere brindisini ci ha insegnato anche un’altra cosa, e cioè che ogni qual volta un colosso industriale è arrivato sul nostro territorio la prima cosa che ha calpestato è stato il Diritto Ambientale. E attenzione che nel Diritto Ambientale quando si parla di ambiente non ci si riferisce soltanto all’aspetto ecologico, alla materialità delle risorse fisiche, l’acqua, l’aria, il suolo, ma a quel sistema di relazioni tra fattori economici, culturali, agricoli, antropici, paesaggistici.

Ognuno di questi fattori non deve annichilire l’altro, soprattutto il fattore economico perché è lesione dell’ambiente in senso giuridico qualsiasi decisione che prenda uno dei fattori in relazione, lo enfatizzi e lo renda prevalente rispetto agli altri. Vedi appunto il caso Brindisi dove il fattore profitto ha annichilito tutti gli altri. In nome del profitto abbiamo svenduto la terra, la salute e anche la coscienza.

Ma non finisce qui. C’è un articolo fondamentale che è l’articolo 3 quater in cui il nostro Codice dell’Ambiente ha dato una lettura precisa di come va applicato il principio dello sviluppo sostenibile. 

E invitiamo il presidente Emiliano a darsi una rilettura. 

-Anche l’attività della Pubblica Amministrazione DEVE essere finalizzata a consentire una migliore attuazione del principio dello sviluppo sostenibile, per cui nell’ambito della scelta comparativa d’interessi pubblici e privati, gli interessi della tutela dell’ambiente e del patrimonio culturale devono essere oggetto di priorità da considerazione-

E nel nostro codice dell’ambiente per patrimonio culturale non s’intendono solo i beni culturali classici ma anche il paesaggio. I beni paesaggistici, quelli che volete distruggere, sono patrimonio culturale. 

In questi giorni nel Salento sta per realizzarsi un miracolo o forse due. Il primo è che si sta riuscendo a fermare un'opera che altrimenti avrebbe un grande impatto negativo sul territorio, il secondo miracolo è che questa volta (finalmente dopo tanto tempo) le comunità si stanno aggregando intorno ad una visione alternativa e sostenibile del territorio, della NOSTRA TERRA, e il Presidente Emiliano evidentemente non l'ha capito, o forse lo ha capito fin troppo bene visto il suo tentativo di spaccare il popolo, di spaccare la protesta. 

Ecco perché noi da Brindisi sosteniamo la battaglia No Tap. Perché è una battaglia che riguarda il futuro di tutti.
Il Convegno di cultura Maria Cristina di Savoia di Brindisi conclude l'anno sociale con la presentazione del libro ...
informazioni utili

Pubblicità Elettorale

___________________ concessionaria degli spazi pubblicitari di brindisisera.it, dichiara di aver depositato presso la propria sede in Via _________________ il listino analitico degli spazi e dei servizi pubblicitari on line che intende mettere a disposizione di chiunque abbia interesse a diffondere messaggi a contenuto politico – elettorale a condizione di parità commerciale tra loro. Per prenderne visione, o acquisire informazioni scrivere a: info@brindisisera.it
BRINDISISERA.IT è un quotidiano telematico edito da Sevent SRL, sede in Corso Umberto I, Brindisi - P.IVA 01929320743 - Reg. Trib. Brindisi N° 12/04 del Reg. Stampa il 18/10/2004