giovedì 19 gennaio 2017

Ceglie messapica. In possesso di 40 dosi di cocaina, arrestato cegliese

Attività antidroga nel Comune di Ceglie messapica: 1 arresto  -La Polizia di Stato della Città Bianca sequestra 40 dosi di cocaina in confezionamento tipico da spaccio-

In costante sinergia con le direttive rese dal Questore di Brindisi, Dottor Maurizio MASCIOPINTO, finalizzate alla prevenzione e repressione dei reati in generale ed, in particolar modo, di quelli in materia di droga, nei giorni scorsi, all’esito di mirata attività d’indagine, gli investigatori del Commissariato ostunese, traevano in arresto nella flagranza del reato di detenzione e spaccio di sostanze stupefacenti, un soggetto di Ceglie messapica, conosciuto agli operatori. L’arrestato, identificato in LIGORIO Antonio, classe 1976, dopo le formalità di rito, d’intesa col PM di turno presso la Procura della Repubblica di Brindisi, Dottor Milto Stefano DE NOZZA, veniva associato presso il carcere a disposizione della competente A.G..

Di seguito, i dettagli dell’intervento: da diverso tempo, i poliziotti della Squadra di Polizia giudiziaria del Commissariato, effettuavano una serie di servizi di osservazione nel Comune di Ceglie volti all’analisi e alla comprensione degli equilibri e dei gruppi operanti sul mercato dell’approvvigionamento e dello spaccio di cocaina ed eroina. 
Le attività d’indagine permettevano di appurare che numerosi assuntori ostunesi, erano soliti rifornirsi sia all’interno del citato comune cegliese sia lungo la strada che da Ceglie conduce ad Ostuni. Pertanto, proprio alla luce delle evidenze acquisite, nell’ultimo week-end trascorso, venivano predisposti alcuni posti di controllo lungo il menzionato asse stradale, mediante l’impiego di personale della Squadra Volante del Commissariato.

I controlli venivano eseguiti anche all’interno del Comune cegliese nonché presso i punti di aggregazione dei giovani, quali parchi, sale giochi, bar e villette comunali. 
L’operazione permetteva di fermare e sottoporre a controllo di polizia numerosi soggetti gravati da precedenti penali, anche in materia di droga, con l’ulteriore esecuzione di innumerevoli perquisizioni personali, estese ai veicoli da essi condotti. Durante il servizio si notava inoltre un soggetto del posto che, a bordo di un utilitaria, dopo essersi intrattenuto presso un centro scommesse con alcuni individui, ripartiva a velocità sostenuta sino a dirigersi fuori il centro urbano all’interno di una contrada agricola. Ne seguivano lunghi e specifici servizi di osservazione e monitoraggio che, riscontro dopo riscontro, permettevano di individuare il punto preciso di un muretto a secco dove l’individuo armeggiava una volta lì giunto.

Lo stesso, non a caso, senza scendere dalla macchina e col motore acceso, allungava il braccio fuori dal finestrino, sollevava una pietra, prelevava qualcosa e si allontanava a folle velocità dal posto. 
Il descritto movimento veniva ripetuto innumerevoli volte sia nell’ultimo fine settimana che nella giornata di martedì scorso. Pertanto, accertato che al di sotto della pietra vi era un contenitore pieno di “birillini” di cocaina, tutti termosaldati all’estremità, dopo l’ennesimo “passaggio” del LIGORIO, lo si bloccava nei pressi di un bar subito dopo essere uscito dal locale assieme ad un altro uomo che, capito che si stava per verificare un controllo di Polizia, si dileguava.  Fuga che, invece, non riusciva a fare l’odierno arrestato che, immediatamente bloccato, veniva sottoposto a perquisizione personale che non a caso permetteva di rinvenire in tasca, la somma di 30 euro, ancora accartocciata, poco prima ricevuta dal soggetto che si era dileguato in cambio della cessione di droga. Altro denaro, invece, era rinvenuto all’interno del portafogli del LIGORIO, per complessivi 100 euro in diverso taglio. All’esito di tutte le operazioni , venivano sottoposti a sequestro penale 40 “birillini” monodose di cocaina che,dalle analisi scientifiche di rito, risultava essere di elevata qualità.

Le evidenze probatorie raccolte venivano compiutamente messe a conoscenza del PM di turno presso la Procura della Repubblica di Brindisi che, condividendole appieno, disponeva che il LIGORIO venisse associato presso la Casa Circondariale di Brindisi.

I servizi di controllo del territorio finalizzati a frenare il fenomeno dello spaccio di droga sempre più reato impiegato dalle organizzazioni criminali per il loro finanziamento, proseguiranno ininterrottamente nei prossimi giorni da parte della Polizia di Stato. 
Tanto, al fine anche di contrastare i negativi e deleteri effetti dell’immissione sul mercato della cocaina e dell’eroina, i cui processi di “taglio” e finale confezionamento delle singole dosi per lo spaccio, possono contenere preoccupanti insidie per l’incolumità personale a svantaggio della sicurezza generale.
 
 La zecca erratica di Brindisi in età augustea - LII Colloquio di studi e ricerca ...

Pubblicità Elettorale

___________________ concessionaria degli spazi pubblicitari di brindisisera.it, dichiara di aver depositato presso la propria sede in Via _________________ il listino analitico degli spazi e dei servizi pubblicitari on line che intende mettere a disposizione di chiunque abbia interesse a diffondere messaggi a contenuto politico – elettorale a condizione di parità commerciale tra loro. Per prenderne visione, o acquisire informazioni scrivere a: info@brindisisera.it
BRINDISISERA.IT è un quotidiano telematico edito da Sevent SRL, sede in Corso Umberto I, Brindisi - P.IVA 01929320743 - Reg. Trib. Brindisi N° 12/04 del Reg. Stampa il 18/10/2004